Dante Bini. Mechatronics

di Giulia Ricci | Binishells o la riproducibilità tecnica della cupola | L’attività di Dante Bini (Castelfranco Emilia, 1932) si fonda sull’indissolubilità del rapporto fra disegno, materia e sistema produttivo.

A3_Bini Cubo-Gizmo

Binishells o la riproducibilità tecnica della cupola 

L’attività di Dante Bini (Castelfranco Emilia, 1932) si fonda sull’indissolubilità del rapporto fra disegno, materia e sistema produttivo. Il Binishells è il primo dei sistemi brevettati da Dante Bini e permette la costruzione di cupole con tempi e costi estremamente ridotti, attraverso l’uso di una cassaforma pneumatica dinamica. Tale sistema viene considerato migliorativo del brevetto di Wallace Ne del 1942, in cui il calcestruzzo viene spruzzato direttamente sulla pneumoforma già gon ata, rendendo necessario l’utilizzo di impalcature.

La costuzione di queste cupole viene dapprima sperimentata nella fungaia della natìa Castelfranco Emilia, in un rettangolo di terra nella pianura emiliana che diventa una sorta di palestra dell’architetto. Il sistema ha successivamente una rapida di usione in Italia e all’estero, consentendo la realizzazione di edi ci dalle destinazioni d’uso più diverse.

Fra gli esempi più noti si ricordano la residenza di Michelangelo Antonioni e Monica Vitti a Costa Paradiso ed il villaggio turistico progettato con Frei Otto all’Isola dei Cappuccini, entrambi in Sardegna, due gruppi di cupole per il Mamoru Kawaguchi’s Fuji Group Pavilion all’Expo di Osaka 1970 e diverse realizzazioni per il dipartimento dei lavori pubblici del New South Wales in Australia. Il sistema Binishells è qui individuato come paradigmatico del pensiero e dell’opera di Dante Bini. L’architetto ha infatti sviluppato molti altri sistemi costruttivi automatizzati, si è confrontato con infrastrutture urbane come Tower City, K21 e Shimizu’s Try 2004, e macchine lunari fra cui Lunit, Lunab e Regolith.

Il brevetto Binishells e le successive invenzioni fanno di Dante Bini un pioniere della mecatronica edile.

Questa mostra espone parte dalla ricerca sviluppata per il libro di Antonio Pennacchio e Giulia Ricci,  Dante Bini: Mechatronics, Postmedia Books, 2016.

6 – 26 marzo 2017
Spazio “Cubo”
Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Via Ampère 2 – Milano

Scarica in PDF Pieghevole Dante Bini

IMG_0095

IMG_0100

IMG_0093 IMG_0095